Venerdì 24 Novembre 2017

Il locale apre al pubblico alle ore 20:00
Il concerto inizia alle ore 22:00

      • Ingresso con tessera 
      • Contributo attività: € 10,00

Le Rane di Testaccio è un’associazione e perciò è necessario fare la tessera di socio.
Nel locale tutti i prodotti (anche surgelati) sono di qualità ed i prezzi sono comunque contenuti.

Ingresso a numero limitato, 100 posti

Ore 22:00

NICONOTE presenta
Emotional Cabaret

NicoNote  (Voce, laptop, performance)
Daniele Marzi (Batteria, Laptop, Trattamenti)
Alfredo Nuti Dal Portone (Chitarre, Clarinetto, Trattamenti)

Una serata speciale per presentare il nuovo album di NicoNote, Emotional Cabaret, uscito il 27 giugno per l’Etichetta Doc Live.
Un disco che racconta frammenti da un “cabaret delle emozioni” che accade dentro e fuori di noi; un susseguirsi di micro racconti, episodi di un’unica storia, nel flusso delle emozioni. L’album è prodotto da NicoNote insieme a Dani Marzi e Alfredo Nuti Dal Portone, suoi compagni di viaggio in questa creazione, con ospiti d’eccezione quali Roberto Bartoli, Enrico Gabrielli, Stefano Pilia, White Raven.
NicoNote, all’anagrafe Nicoletta Magalotti, riminese di origini austriache, è una artista della scena indipendente con un percorso fuori dagli schemi. Nicoletta negli anni 80 è stata la voce della band Violet Eves, protagonista della new wave italiana con Ira records insieme a Litfiba, Diaframma, Moda, Underground Life. Negli anni 90 è stata ideatrice di spazi dai mondi sonori non definibili come il privee Morphine del Cocoricò di Riccione nonchè attrice della Socìetas Raffaello Sanzio. Artista dalla voce magnetica e dalla presenza non convenzionale, ha sviluppato un suo originale linguaggio musicale, una performer capace di fondere il teatro con la canzone.
La sua scena è nella voce: nelle mille sfumature di un canto di cui usa ogni minima inflessione, che crea aspettative e poi le elude, seguendo altre tracce del pensiero e del suono. Come spiega lei stessa, “Emotional cabaret è un lavoro per sua natura in divenire, un concerto in continua evoluzione, così come le nostre emozioni. Il titolo suggerisce piste sotterranee: c’è quella emozionale, umorale, e c’è il cabaret come teatro, ma anche come rimando a un’attitudine dadaista a depistare, decontestualizzare, creando scompiglio, mettendo insieme generi differenti”.
Un disco emozionale che parte da un un concerto/ performance ogni volta diverso, che segue le suggestioni della musica, del luogo e del pubblico.